Introduzione

La perdita dei capelli La può rendere scontento della propria immagine. Questo può influire sull’autostima e La può squilibrare in tanti aspetti della Sua vita.
La calvizie La fa sembrare più vecchio ed esagera le rughe e le linee del viso. L’autostima è molto importante per la qualità della Sua vita. Lo scopo della ricostruzione del capello è quello di creare un contorno intorno al viso e di diminuire gli effetti dell’invecchiamento determinato dalla caduta dei capelli.
La calvizie maschile è un problema estetico complesso e complessante. La perdita dei capelli è dovuta a più fattori: invecchiamento, cause genetiche, modifiche ormonali. Inoltre, essa può comparire nel caso dei bruciori e nel caso di traumatismi locali complessi.
Tecniche chirurgiche per risolvere la calvizie si utilizzano da più di trenta anni, esse essendo perfezionate continuamente.

Quali pazienti possono beneficiare del trapianto di capelli?

Esiste una moltitudine di tecniche per risolvere la calvizie, ma tutte usano i tuoi capelli già esistenti. Importante è che il chirurgo trovi le modalità di utilizzarlo il più efficientemente. Non qualsiasi perdita di capelli può essere risolta con il trapianto di capelli e per questo è essenziale che esisti un diagnostico esatto basato sull’anamnesi, esami clinici e di laboratorio. L’intervento non è raccomandato ai pazienti con lupus eritematoso, lichen piano, follicolite o sclerodermie. Inoltre, dev’essere accordata una particolare attenzione alla tendenza di formazione di cicatrici cheloidi o di alcune malattie del sangue.
I candidati al trapianto devono avere delle zone donatrici sane all’indietro e lateralmente.

Rischi dell'operazione

Non c'è operazione che non comporti dei rischi. Di solito il trapianto di capelli è un intervento chirurgico sicuro se è effettuata da un professionista. Comunque, ogni paziente reagisce individualmente, in modo che il risultato non è mai completamente prevedibile. Come complicazioni, possono comparire l’infezione, sanguinamenti eccesivi, ampliamento delle cicatrici. Inoltre, esiste il rischio che l’innesto non prenda. Quando la perdita dei capelli progredisce dopo l’intervento, può comparire un aspetto non naturale di “rappezzi” se i capelli trapiantati (che di solito non cadono) si trovano vicino a zone che continuano a diradarsi.

Indicazioni preoperatori

  • non mangiare e non bere niente dopo mezzanotte prima dell'operazione;
  • è proibita la somministrazione dell'aspirina e delle medicine che la contengono, 2 settimane prima dell'operazione;
  • informare il chirurgo e l'anestesista se avete problemi di salute (ipertensione, problemi vascolari, infarto, diabete, problemi polmonari, problemi di sanguinamento, epilessia, problemi neurologici, allergie a farmaci vari);
  • informare il medico se avete protesi dentale o lenti a contatto;
  • se fumate, pianificare di rinunciare almeno 1-2 settimane prima dell'intervento e non ricominciare a fumare almeno 2 settimane dopo l'operazione;
  • evitare l'esposizione eccessiva al sole prima dell'intervento;
  • non seguire una dieta rigorosa prima dell'intervento in quanto può ritardare la guarigione;
  • se prendete un raffreddore o una infezione di qualsiasi tipo, l'intervento deve essere rimandato.

Intervento chirurgico

Esiste una moltitudine di tecniche per risolvere la calvizie e di solito si fa una combinazione tra più tecniche.
Il trapianto di capelli si fa sotto anestesia locale combinata con anestesia intravenosa. Per tutta la durata dell’intervento sarà conscio ma rilassato. L’anestesia generale può essere utilizzata nel caso dell’applicazione dell’espansione tissulare o dell’uso di lembi rotati.
L’intervento di trapianto significa la raccolta d’innesti di capelli con la radice, dal livello di alcune zone donatrici situate di solito nella zona occipitale o temporale, il loro amminutamento sotto il microscopio e l’impianto al livello delle zone ricevitrici. Secondo la misura, si usano micro innesti (1-2 fili di capelli), mini innesti (2-4 fili di capelli) e innesti grandi circolari o longitudinali (10-40 fili di capelli). Questi ultimi danno di norma un aspetto non naturale e si è rinunciato al loro uso nell’ultimo tempo.
In una seduta operatoria, il numero di micro e mini innesti che si possono trapiantare può arrivare fino a 700-1000. Per mantenere una circolazione normale al livello dello scalpo, gli innesti non possono essere messi molto vicini uno all’altro. Gli spazi fra loro saranno riempiti in una successiva seduta operatoria.
L’espansione tissulare utilizzata di solito nella chirurgia ricostruttiva ha trovato applicazioni anche nel trattamento chirurgico dell’alopecia, realizzando una copertura rilevante in un breve intervallo. La procedura consta nell’introduzione di un pallone di silicone sotto la pelle pelosa, la sua superficie essendo estesa progressivamente con il gonfiamento graduale del pallone di silicone.

Ricovero post-operatorio

Il paziente è ricoverato durante 24 ore. Il giorno dopo l’intervento tutte le fascie sono tolte definitivamente ed i capelli del paziente saranno lavati.

Recupero post-operatorio

In seguito alla dimissione dall’ospedale, i punti si asportano dopo 10 giorni dall’intervento, operazione da eseguire anche dal medico di famiglia di ogni paziente. Durante 3 settimane si raccomanda di evitare gli sport di contatto e gli sforzi fisici sostenuti che potrebbero aumentare la circolazione sanguigna nello scalpo e provocare perdite di sangue.
Si deve sapere che i capelli trapiantati cadono nel fratempo di 6 settimane, ma la radice rimane, cosi i capelli cresceranno più tardi normalmente. Di solito è necessaria almeno ancora un’altra tappa per ottenere un ottimo risultato.

Conclusioni

Deteniamo un’esaustiva esperienza maturata nel trattamento delle alopecie postraumatiche e provenute da ustioni (1000 casi circa), sopratutto per i bambini. Per quanto concerne l’alopecia idiopatica, contiamo più di 100 casi risolti solo tramite trapianto di capelli.

Scoprite come potete beneficiare di questo tipo di intervento. Pianificare una visita medica al Prof. Dr Bratu.