Introduzione

Il naso è il tratto più prominente del viso, le sue dimensioni e forme potendo essere il tratto definitorio del viso. E come la fiducia in se stessi è una condizione essenziale per la nostra salute e per la nostra riuscita nella vita non rimane che un passo verso la scelta di avere un bel naso!
La rinoplastica è un intervento estetico che si rivolge alla piramide nasale, essendo uno degli interventi più richiesti. La rinoplastica è un intervento chirurgico che ristruttura e rida la reda forma naturale del naso con la riparazione delle sequele di alcuni traumatismi o la correzione di possibili deformazioni ereditarie.

Quali pazienti possono beneficiare della rinoplastica?

La rinoplastica si può fare in scopo pur estetico, per motivi ricostruttivi o per risolvere dei problemi di respirazione.
La rinoplastica può migliorare il Suo aspetto e la Sua fiducia. Di solito, sono operate persone che hanno superato l’età della pubertà in modo che le modifiche si armonizzino perfettamente e realisticamente con la fisionomia matura della persona.

Rischi dell'operazione

Non esiste intervento che non coinvolga un rischio, ma quando l’intervento è fatto da un chirurgo plastico con esperienza, le complicazioni sono rare e di solito minori. Ci sono delle differenze notevoli tra i pazienti in quanto riguarda la capacità di guarigione in modo che il risultato non è mai completamente prevedibile.
Dopo l’intervento, sul tegumento della piramide nasale possono comparire dei piccoli punti rossi dovuti alla rottura di alcuni piccoli vasi sanguigni. In quanto riguarda le cicatrici, esse non si noteranno se si pratica il metodo chiuso e quando si pratica il metodo aperto, esse sono poco visibili.

Indicazioni preoperatori

  • non mangiare e non bere niente dopo mezzanotte prima dell'operazione;
  • è proibita la somministrazione dell'aspirina e delle medicine che la contengono, 2 settimane prima dell'operazione;
  • nel caso delle donne, di solito l'operazione deve essere fatta al di fuori del periodo mestruale;
  • informare il chirurgo e l'anestesista se avete problemi di salute (ipertensione, problemi vascolari, infarto, diabete, problemi polmonari, problemi di sanguinamento, epilessia, problemi neurologici, allergie a farmaci vari);
  • informare il medico se avete protesi dentale o lenti a contatto;
  • se fumate, pianificare di rinunciare almeno 1-2 settimane prima dell'intervento e non ricominciare a fumare almeno 2 settimane dopo l'operazione;
  • evitare l'esposizione eccessiva al sole prima dell'intervento, in particolare nella regione facciale;
  • non seguire una dieta rigorosa prima dell'intervento in quanto può ritardare la guarigione;
  • se prendete un raffreddore o una infezione di qualsiasi tipo, l'intervento deve essere rimandato.

Intervento chirurgico

La rinoplastica viene eseguita sotto anestesia generale o sotto anestesia locale combinata con una leggera anestesia endovenosa. L’intervento dura circa un’ora, alle procedure più complicate può servire anche di più. Durante l’intervento, la pelle del naso si separa dall’osso e dalla cartilagine che dopo sono scolpiti nella forma desiderata. Noi preferiamo il metodo chiuso, con incisioni all’interno del naso, la procedura aperta essendo riservata ai casi più complicati. Dopo l’intervento, sulla piramide nasale si mette una stecca, che si mantiene di norma per 7 giorni. Le narici vengono coperte con garze per 24 ore.

Degenza postoperatoria in ospedale

Dopo l’intervento di rinoplastica, è necessaria un’ospedalizzazione di un giorno per rimanere sotto la sorveglianza del personale medico, periodo in cui si somministrano degli antibiotici, in scopo profilattico. Le garze si rimuovono dopo 24 de ore.

Recupero postoperatorio

Postoperatorio, nei primi giorni, il paziente può sentire il viso gonfio, con edema ed ecchimosi in particolare al livello delle palpebre inferiori. In questo caso, devono essere applicate delle compresse fredde che ridurranno evidentemente questa sintomatologia. Di solito, le ecchimosi e l’edema persistono nella prima settimana.
Inoltre, non dovete spaventarvi se nei primi giorni dopo l’intervento avete un debole sanguinamento. Entro la fine della prima settimana, la stecca e i fili sono rimossi.
Per due settimane devono essere evitate delle attività che richiedono sforzo, che possono far crescere la tensione arteriale che potrebbe portare a sanguinamenti. Ai pazienti che indossano occhiali, per un periodo di 6-7 settimane è controindicato che essi si basino sulla piramide nasale.
Dopo la rimozione della stecca e fino a circa 3 mesi persiste un lieve edema, che diminuisce col tempo.

Conclusioni

La rinoplastica realizza un equilibrio estetico del viso, il risultato essendo la crescita della fiducia nelle proprie forze.

Scoprite come potete beneficiare di questo tipo di intervento. Pianificare una visita medica al Prof. Dr Bratu.